top of page

MEDIA

TUTTO IN UN UNICO POSTO

In questa sezione trovi tutte le ultime notizie sulla squadra, i risultati e le classifiche.

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Anche i gialloblù partecipano e sostengono l'evento sponsorizzato dal Comitato Regionale Veneto di domenica 27 novembre



In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il Comitato Regionale Veneto FIGC-LND partecipa attivamente con una propria iniziativa (che segue quella del Dipartimento Calcio Femminile della LND) disponendo, in tutte le gare che si svolgeranno nelle giornate di venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 Novembre 2022, che le calciatrici ed i calciatori facciano ingresso sul terreno di gioco con un segno rosso sul volto come simbolo contro la violenza sulle donne e che prima dell’inizio delle gare venga letto un messaggio opportunamente predisposto che vuole sensibilizzare tutti sul dovere morale di dare impulso, avviare o continuare a tenere accesa quella luce che illumini la coscienza, la cultura, in difesa delle donne. Per questo è ancora più prezioso il lavoro di chi non solo il 25 novembre, non solo nelle occasioni ufficiali, educa animi e menti alla cultura della non violenza e del rispetto. Così la LND, il Dipartimento Calcio Femminile ed il Comitato Regionale Veneto ogni giorno scendono in campo con questo intento, abbattere muri, praticare con grande passione un nobile sport, davvero il più bello del mondo. Le Società, le atlete, gli addetti ai lavori tutti e il mondo dello sport oggi si fanno ambasciatori della cultura del rispetto e dell’uguaglianza.


Le attività comprendono :

  1. al momento dell’allineamento in campo delle squadre, il Direttore di Gara solleverà la lavagna luminosa (oppure un Cartello predisposto dalla Società ospitante) che riporterà il numero 1522 che, si ricorda, essere il numero unico per la denuncia dei casi di violenza e stalking;

  2. la discesa in campo delle calciatrici e dei calciatori con un segno rosso sul volto, a simboleggiare tutte le donne vittime di soprusi, violenza e prevaricazione;

  3. lettura allo stadio, prima dell’inizio della gara, del seguente messaggio;


#nonminascondo La violenza non si combatte con la violenza, ma con la cultura. Lo sport, il calcio, possono e devono essere palestra non solo del corpo, ma della persona tutta, insegnando i valori del rispetto di sé e dell’altro, mai diverso, mai più debole, mai inferiore. #nonminascondo come donna e come uomo perché spesso la violenza ha la faccia di chi conosciamo, e fa più paura. Perché le donne non sono proprietà di nessuno, se non di loro stesse, non sono la metà di nessun cielo, sono persone. La partita più importante oggi si gioca su un campo grande quanto il mondo : accettare la vita e contrastare la violenza.



14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page